Il portale di informazioni sulla Svizzera

Il portale di informazioni sulla Svizzera

Your Gateway to Switzerland

Il dialetto svizzero-tedesco

La lingua parlata nella Svizzera germanofona è spesso piuttosto diversa dal tedesco standard (il cosiddetto "buon tedesco") parlato in Germania. Gli svizzeri tedeschi parlano svizzero tedesco, che a sua volta si scompone in una miriade di dialetti locali. Questi sono sufficientemente diversi tra loro da permettere di riconoscere la provenienza di chi parla, ma non abbastanza diversi da essere incomprensibili agli altri svizzeri tedeschi. I più difficili sono i dialetti parlati in alcune remote valli del canton Vallese, il più meridionale della Svizzera, ma, con un po' di buona volontà, anche questo può essere decifrato dagli altri svizzeri tedeschi.

Secondo un sondaggio effettuato nel 2002 tra svizzeri di lingua tedesca e francese su quale fosse il dialetto svizzero tedesco preferito il bernese è risultato al primo posto con il 27%, il vallesano ha ottenuto il 20%, mentre lo zurighese solo il 10% dei voti.

In Svizzera, il buon tedesco è fondamentalmente una lingua solo scritta: nelle regioni germanofone i ragazzi devono apprenderla a scuola, le lezioni si svolgono in questa lingua a partire dalla scuola dell’obbligo ed è inoltre la lingua di giornali, riviste e della maggior parte dei libri. È anche molto usata nei media.

Allo stesso tempo, anche il buon tedesco lingua standard del mondo germanofono, come molte altre lingue, contiene anche varianti regionali, particolarmente nel vocabolario. Gli svizzeri di lingua tedesca sono spesso sorpresi che, anche quando parlano in buon tedesco, alcune delle loro parole non sono comprese dai tedeschi o dagli austriaci.

Chi ha studiato solo il buon tedesco fa molta fatica a capire lo svizzero tedesco. Il problema non è solo l'accento, anche la grammatica e il vocabolario sono diversi. E questo è un problema anche all’interno della Svizzera: francofoni e italofoni imparano a scuola il tedesco standard, per poi scoprire che non sono comunque in grado di comunicare con i loro connazionali. Gli insegnanti nella Svizzera tedesca lamentano da parte loro la scarsa padronanza del buon tedesco di molti studenti e le ripercussioni di questo fenomeno sullo risultati scolastici.

Parlo dialetto bernese e scrivo in tedesco. (...) Devo continuamente abbandonare la lingua che parlo per ritrovarmi in una lingua che non so parlare, poiché quando mi esprimo in tedesco lo faccio con un forte accento bernese. (...) Alcuni critici mi rimproverano di usare un tedesco in cui si sente l’influenza del bernese. Spero bene che si senta! Scrivo in un tedesco cresciuto sull’humus bernese.

Friedrich Dürrenmatt (1921-1990), uno dei più importanti drammaturghi di lingua tedesca del dopoguerra.

Link a siti esterni