Il portale di informazioni sulla Svizzera

Il portale di informazioni sulla Svizzera

Your Gateway to Switzerland

CH: Confoederatio Helvetica

La Svizzera non è stata costruita in un solo giorno... (nuova finestra)

La Svizzera non è stata costruita in un solo giorno...© swissworld.org

La Svizzera moderna è nata nel 1848. Fino ad allora non poteva dirsi uno stato propriamente tale, ma piuttosto una libera alleanza di cantoni autonomi i cui rapporti di cooperazione variavano secondo i periodi. Prima del 1848 i cantoni erano inoltre liberi di separarsi dalla confederazione qualora lo volessero.

La costituzione del 1848 ha trasformato la Svizzera in uno Stato Federale, con un'autorità centrale per controbilanciare e limitare il potere dei singoli Cantoni. Alcuni poteri politici, come gli affari esteri, sono oggi esclusivamente nelle mani dell'autorità centrale e i Cantoni non hanno più diritto a staccarsi dalla Confederazione.

La costituzione è stata concepita con l'intento di bilanciare il più equamente possibile gli interessi dell'intera nazione e quelli dei singoli cantoni.

Per ragioni storiche, il nome ufficiale della Svizzera è rimasto la "Confederazione Svizzera" (latino: Confoederatio Helvetica) da cui deriva la sigla CH che identifica il paese a livello internazionale. In realtà questo è un termine improprio poichè si dice confederazione un'alleanza di entità utonome, mentre dal 1848 la Svizzera è una federazione e, cioè, un insieme di entità unite da un'autorità centrale.

La parola "Helvetica" si riferisce agli elvezi, una delle molte tribù celte che abitavano quella che oggi è la Svizzera ai tempi della conquista dei romani.

«La Svizzera non somiglia ad alcun altro Stato, sia per gli avvenimenti che vi sono successi da molti secoli, sia per la situazione geografica, sia per l'estrema differenza di usanze che esiste tra le sue diverse parti. La Natura ha fatto il vostro Stato federale, volerla conquistare non può essere di un uomo saggio.»

Napoleone I (1769-1821) Lettera ai delegati dei Cantoni svizzeri, 1802.

Link a siti esterni